Notizie

Associazione 05.07.2021

<< indietro

23esima Assemblea dei delegati USC e Forum dei delegati

Nei cinque laboratori diretti da alcuni membri del Comitato esecutivo, i delegati hanno avuto modo di discutere delle loro preoccupazioni riguardanti il Covid e il lavoro delle associazioni. La proficua discussione ha rivelato che numerose associazioni sono confrontate a un calo di membri e a difficoltà finanziarie durante questo difficile periodo. Ha pure sottolineato una richiesta di sostegno accresciuto nel lavoro delle associazioni.

 

Nei cinque laboratori diretti da alcuni membri del Comitato esecutivo, i delegati hanno avuto modo di discutere delle loro preoccupazioni riguardanti il Covid e del lavoro delle associazioni. La proficua discussione ha rivelato che numerose società sono confrontate a un calo di membri e a difficoltà finanziarie durante questo delicato periodo. Ha pure sottolineato una richiesta di sostegno accresciuto nel lavoro delle associazioni.

 

La situazione dei cori durante il Covid

I cori hanno dovuto confrontarsi a sfide logistiche, organizzative, finanziarie e sociali durante la crisi di Coronavirus. Fare prova con la mascherina non ha creato problemi per certi cori, per altri invece questo obbligo ha addirittura creato un’interruzione delle attività. Non è nemmeno stato semplice tenere le prove con solo 15 persone in maniera soddisfacente per tutti. Questa situazione ha provocato un calo di membri in numerosi cori. Visto che i gruppi non potevano organizzare concerti, vi è stata pure una mancanza di entrate finanziarie. La maggior parte dei cori hanno ricevuto fondi dall’assicurazione disoccupazione, ma purtroppo non tutti. Alcuni di essi hanno beneficiato dell’indennizzo dell’OFC per la perdita di guadagno.

Capitolo maestri di coro: ci sono stati problemi di salario in molti complessi. Certi gruppi hanno cessato di pagare gli onorari dei direttori. Le situazioni contrattuali dove i maestri di coro venivano pagati a ore o a presenza sono pure state problematiche. Taluni direttori di coro avrebbe desiderato un maggiore sostegno per delle forme alternative di prova e/o un sostegno finanziario.

Oltre ai numerosi aspetti problematici, ci sono anche stati esempio dove i cori hanno gestito la situazione in modo creativo. Ad esempio alcuni cori hanno organizzato esibizioni ibride, dove la metà del coro provava in presenza e l’altra metà era collegata tramite Zoom, talvolta in un locale adiacente, per potersi scambiare dopo un dato tempo. È pura stata sottolineata l’importanza di pianificare occasioni comuni per rendere la ripresa accettabile per i membri, così come la formazione vocale, visto che la voce era a risposo da lungo tempo. Accordi sono stati conclusi per quanto riguarda i salari. Alcuni direttori hanno ricevuto un salario meno alto, altri cori hanno anticipato la richiesta di pagare le quote sociali o pagato tasse più alte.

 

Lavoro associativo e Festivals di canto

I partecipanti hanno discusso del problema di sapere se non sia necessaria una nuova struttura per le grandi associazioni cantonali, che tradizionalmente sono divise in distretti di canto o in sotto-gruppi. All’interno di numerose associazioni distrettuali è sempre più difficoltoso trovare persone responsabili per effettuare questo lavoro. Uno scambio di opinioni ha pure avuto luogo sul modo di rinforzare e raggiungere i cori di bambini e giovanili, così come di unire le associazioni di musica sacra alle associazioni cantonali. C’era un grande bisogno di informazione e di ottimizzazione su alcuni temi più generali, ad esempio come gestire bene le associazioni, la comunicazione più appropriata con i membri, l’impegno nell’attuare le misure e il rispetto delle gerarchie in seno alle associazioni. Vi è pure un grade bisogno di sostegno per i direttori di coro che si trovano in un momento di momentanea urgenza.

I Festivals di canto a livello federale, cantonale e regionale – in base ai partecipanti – sono sempre fondamentali e perseguono diversi obiettivi, come l’incontro e il canto con altri cori, il canto davanti agli esperti e al pubblico. Il libretto dei canti è stato molto apprezzato, visto che consente di cantare assieme ad altri cori.

 

 

Aumento del Comitato direttivo e riduzione delle tasse per i membri

Tutti i membri del Comitato direttivo sono stati rieletti. Con Franziska Welti e Markus J. Frey sono stati accolti altri due membri in seno al Consiglio esecutivo: Lukas Bolt, direttore di coro della Svizzera orientale, sarà il nuovo Presidente della Commissione musica. È stato deciso di ridurre della metà le quote dei membri nel 2021 causa la crisi Coronavirus; la quota SUISA sarà pure ridotta in modo significativo per l’anno seguente. D’ora in avanti l’USC si assumerà il carico delle quote dei cori e dei gruppi a carattere socio culturali.

I due nuovi membri del Comitato esecutivo:

Franziska Welti è attiva come cantante, professoressa di canto, artista e direttrice di coro in Svizzera e all’estero. È stata premiata più volte. Alcuni stages l’hanno condotta a Londra, Berlino, Odessa e Nairs. Vive a Winterthur e a Berlino. www.franziskawelti.ch

Markus J. Frey è cantante e insegnante qualificato; ha conseguito una formazione in direzione di coro e di orchestra. Dirige il coro parrocchiale di Berikon e di Rafzerfeld, l’orchestra di Zofingen ed è presidente dell’Associazione Svizzera del Canto Corale Sacro). www.frey-musik.ch

Isabelle Schmied (Traduzone : Christian Barella)